Ginkgo Biloba

È stata scelta come ingrediente per Wonderup: perché?

Contiene flavonoidi, importanti fitoestrogeni che aiutano a mantenere l’equilibrio ormonale necessario per un sano sviluppo del seno. Inoltre le proprietà del Gingko si espletano nel migliorare la circolazione sanguigna (con azione a tutti i livelli del sistema circolatorio: attività vasodilatatrice sulle arterie, aumento del tono venoso, aumento della circolazione cerebrale) ovviamente contribuiscono a una migliore circolazione locale nel seno, migliorando in tal modo gli effetti degli altri ingredienti di Wonderup.

Caratteristiche e proprietà

Originario della Cina e del Giappone, è un albero leggendario vecchio di più di 250 milioni di anni e che ha resistito ai peggiori inquinamenti del ventesimo secolo ed in particolare ai residui della bomba atomica di Hiroshima.

La foglia contiene dei principi attivi molto efficaci (flavoni, flavonoidi, leucoantociani) che gli conferiscono un maggior potere antiossidante che porta al blocco della tossicità dei radicali liberi.

È particolarmente conosciuto per la sua attività sulla circolazione venosa, arteriosa e soprattutto per quella cerebrale. Numerose prove cliniche sono state compiute dimostrando l’efficacia delle foglie di ginkgo a tutti i livelli della circolazione sanguigna.

Maggiori informazioni
  • Migliora la circolazione - aumentando l’afflusso di sangue al cervello migliora l’acuità mentale, la concentrazione, la memoria a breve termine e l’abilità cognitiva. Utile perciò nelle perdite di memoria dovute a età avanzata e nei problemi della memoria a breve termine. Aiuta anche in casi di tinnito (ronzio alle orecchie) e vertigini. Una migliore circolazione periferica aiuta a ridurre la sensazione di freddo alle estremità, i dolori intermittenti alle gambe e i crampi. Il ginkgo è utile anche nel trattamento per neuropatie diabetiche, degenerazione maculare ed altri problemi circolatori
  • Antiossidante - è uno scavenger (spazzino) dei radicali liberi, inibendo la perossidazione lipidica delle membrane - protegge quindi il cervello ed il sistema nervoso dai danni provocati dai radicali liberi e ciò può aiutare a controllare gli effetti dell’invecchiamento
  • Protegge la barriera sangue - cervello (barriere anatomiche e sistemi di trasporto che controllano tipi di sostanze che entrano nello spazio extracellulare del cervello)
  • Diminuisce la viscosità del sangue inibendo il fattore attivante del PLATELET - platelet activating factor (PAF)
  • Diminuisce il danno ai tessuti durante stress circolatori ed aumenta la circolazione alle estremità
  • Assiste nella distribuzione di ossigeno e glucosio al cervello
  • Protegge le arterie, le vene e i capillari dai danni ed aiuta a regolare il loro tono e la loro elasticità
  • Usato anche per rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.

Raccomandazioni per l’uso

Alcuni pazienti con scarso afflusso di sangue al cervello possono andare incontro a un leggero e passeggero mal di testa per i primi due o tre giorni. È un segno che il ginkgo sta funzionando.

Storia e curiosità

Il Ginkgo fu citato per la prima volta nel 2800 a.C. nella materia medica cinese, Pen T’Sao Ching. Il Gingko viene citato per l’uso nelle malattie respiratorie, così come per i benefici sulla funzione cerebrale. Tradizionalmente è stato usato per le perdite di memoria.

È un’erba molto popolare nel mondo, usata per migliorare l’afflusso di sangue al cervello, per migliorare la memoria e lo stato di coscienza nell’anziano e la circolazione del sangue in generale.